IQFOIL GIOCHI INTERNAZIONALI DAL 19 AL 24 OTTOBRE 2020 CAMPIONE DEL GARDA, PROVINCIA DI BRESCIA, ITALIA

SEBASTIAN KOERDEL (GER) E NOY DRIHAN (ISR) SONO I VINCITORI DEI GIOCHI INTERNAZIONALI IQFOIL SUL LAGO DI GARDA

Mentre i vincitori festeggiavano, il resto degli atleti è tornato in acqua per qualche altra gara, registrando alcuni cambiamenti nella classifica giovanile, con una bella brezza da sud, l ‘”Ora”. Gli iQFOiL International Games si concludono con una serie impressionante di gare completate in ogni formato da tutti, e con grande entusiasmo e aspettative per la nuova tavola da vela olimpica foiling, che questa settimana ha trovato una location perfetta a Univela Sailing e al Lago di Garda.
TOP DA UOMO 12
1 – Sebastian Koerdel (GER)
2 – Nicolas Goyard (FRA)
3 – Huig-Jan Tak (NED)
4 – Alexandre Cousin (FRA)
5 – Matthew Barton (GBR)
6 – Samuel Sills (GBR)
7 – Matteo Iachino (ITA)
8 – Kiran Badloe (NED)
9 – Clemente Bourgeois (FRA)
10 – Steven van Broeckhoven (BEL)
11 – Louis Giard (FRA)
12 – Thomas Goyard (FRA)
TOP DONNA 12
1 – Noy Drihan (ISR)
2 – Helene Noesmoen (FRA)
3 – Maja Dziarnowska (POL)
4 – Lilian de Geus (NED)
5 – Lucie Belbeoch (FRA)
6 – Delphine Cousin (FRA)
7 – Islay Watson (GBR)
8 – Pilar Lamadrid Trueba (ESP)
9 – Imogen Sills (GBR)
10 – Lola Sorin (FRA)
11 – Shachar Reshef (ISR)
12 – Daniela Peleg (ISR)
U21 uomini
TOM ARNOUX (FRA)
FINN HAWKINS (GBR)
YUN POULIQUEN (FRA)
U19 uomini
FINN HAWKINS (GBR)
MATHIS GHIO (FRA)
LUC SCHMITZ 9NED)
U21 donne
ISLAY WATSON 9GBR)
SORIN LOLA (FRA)
SHACHAR RESHEF (ISR)
U19 donne
SORIN LOLA (FRA)
SHACHAR RESHEF (ISR)
DANIELA PELEG (ISR)
Un risveglio piovigginoso e lento l’ultima mattina dei Giochi Internazionali IQFOiL di Campione, Lago di Garda, organizzati da Univela Sailing, Società Canottieri Garda Salò e iQ FOiL Class; ma il sole, proprio come l’eccitazione, era appena dietro un sottile strato di nuvole, mentre la serie di medaglie ad eliminazione diretta era in vista.
Un sistema rivoluzionario per la prossima tavola da vela olimpica, con tre gare per i primi 12 della serie di apertura: un quarto di finale tra i riders dal 12 ° al 5 °, quattro quindi l’accesso alla semifinale che si uniscono al 4 ° e 3 ° assoluto, e i primi due a tagliare il traguardo si sfidano in una gara del Gran Finale vincitore prende tutto con il 2 ° e il 1 ° della serie di apertura.
Feroce competizione il primo giorno dei Giochi Internazionali IQFoil di Campione, Lago di Garda, per i quasi 200 corridori provenienti da 29 nazioni, in quello che doveva essere il primo Campionato del Mondo IQFoil per la tavola da vela olimpica di Parigi 2024.

Una rivoluzione per il windsurf olimpico, che ora sventola sulle onde invece di surfarle, più veloce e con un nuovo formato: non solo l’ippodromo di bolina-poppa, ancora eseguito quando il vento è sopra i 10 nodi, ma uno Sprint Slalom – molto familiare al PWA atleti in arrivo e generazione sventata – e persino una maratona. Due mondi stanno convergendo qui nell’IQFoil, l’RS molto tattico, tecnico e leggero: Xers ei piloti potenti, forti e abili del circuito PWA. Il livello di energia è alle stelle, con tutti entusiasti di vedere chi, di entrambi i mondi, si esibirà meglio in una grande flotta e con tutti solo entusiasti di tornare a correre.

Le regate di Four Course si sono concluse sia per gli uomini che per le donne – con l’uomo diviso in due flotte da 59 tavole – al mattino con un bel “Peler” di 15-20 nodi, il vento locale AM ​​da Nord e lo stato del mare mosso. Quattro proiettili per Nicholas Goyard (FRA), terzo agli Europei di agosto in Engadina, nella flotta blu maschile, seguito a ruota da Sebastian Koerdel sempre secondo, e secondo all’Europeo, mentre la flotta gialla è più aperta, con Pierre Le Coq (FRA), il campione europeo Kiran Badloe (NED) e il fratello di Nicolas, Thomas Goyard (FRA) si alternano in testa. Nel provvisorio maschile i primi tre classificati sono Nicholas Goyard, Sebastian Koerdel e Pierre Le Coq.
La campionessa europea femminile Helen Noesmoen (FRA) vince tre delle quattro gare odierne ed è in testa alla fine della giornata, ma la connazionale Delphine Cousin non è da meno al secondo posto assoluto, e il giovanissimo e talentuoso Islay Watson (GBR ) al terzo posto, si è classificata seconda agli Europei.
Dopo una breve attesa a terra per il riempimento dell ‘”Ora” da Sud, i 184 atleti sono tornati in acqua per una sessione pomeridiana di Sprint Slalom con 6-8 nodi. Un round di qualifiche e uno di finale, con Sebastian Koerdel (GER) che vince nella flotta blu e Bruno Martini (ITA) in giallo.
“Sono davvero contento della mia prima giornata qui al Lago di Garda – commenta Nicholas Goyard (FRA) – Ho fatto meglio in Race Course rispetto allo Slalom, anche se provenendo dal PWA sono più abituato allo Slalom, anche se mi piace Certo, ha tattiche diverse e un modo diverso di navigare, sono complementari e non preferisco l’una o l’altra. ” “Vado contro mio fratello da circa un anno perché ha partecipato ad alcuni eventi PWA e ci prepareremo insieme per la qualificazione ai Giochi Olimpici di Parigi”.
“Giornata lunga oggi, è stata ondulata e dura, sia al mattino che al pomeriggio – dice Sebastian Koerdel (GER) – ma è fantastico aver fatto così tante gare e ci siamo divertiti molto. Sono contento della mia velocità nello slalom, più che delle mie strambate, ho lottato bene con Matteo (Iachino) e non vedo l’ora che arrivi domani “.

IL GIORNO DELLA MARATONA AI GIOCHI INTERNAZIONALI IQFOIL

La mattinata è iniziata come da programma con le donne che alle 9:30 partiranno per la Marathon, uno dei tre format della nuova tavola olimpica; gli uomini sono arrivati ​​subito dopo alle 9:40. Il vento era molto leggero quando tutti sono arrivati ​​al club prima di gareggiare, ma si è alzato quando il sole si è alzato da dietro le alte montagne che circondano il bellissimo lago italiano, bruciando la nebbia mattutina.

Un’affascinante “partenza da coniglio” per uomini e donne, gareggiate separatamente, che per la prima volta hanno sperimentato il formato a lunga distanza in una flotta molto grande. Il percorso consisteva in una bolina lunga sei miglia nautiche fino a Capo Reamol, poi una sottovento verso il bellissimo castello di Malcesine, seduto sul lato opposto rispetto a Univela Sailing di Campione. Da 8 a 10 nodi sull’ippodromo da Nord con il tipico “Peler”, conosciuto ed apprezzato da tutti i velisti che conoscono queste coste.  Kiran Badloe (NED), Rytis Jasunias (LTU) e Alexander Cousin (FRA) erano i primi tre tra gli uomini, con il belga Steven van Broeckhoven al quarto – tutti provenienti da background diversi: un marinaio RS: X, due del PWA e un campione del mondo di freestyle. Tra le donne la migliore è stata l’israeliana Noy Drihan, seguita da due polacche, Maja Dziarnowska e Karolina Lipinska; con la leader assoluta di ieri sera Helene Noesmoen che ha concluso al quarto posto.
Il terzo giorno è iniziato come di consueto con il vento del nord ‘Peler’ che è sceso forte a 12-16 nodi consentendo sia alla flotta Gold maschile che a quella femminile due gare di Course emozionanti e corrette, con il pilota francese Nicholas Goyard che le ha vinte entrambe, consolidando così la sua generale leadership durante la sessione pomeridiana di gara. Sebastian Koerdel (GER) è stato secondo nella prima gara, ma non si è comportato secondo gli standard previsti nella seconda, un 13 ° che è stato fortunatamente in grado di scartare, mentre il secondo proiettile per gli uomini è andato a Pierre Lecoq (FRA).
Nella flotta femminile l’atleta francese, che si sta rivelando la migliore corridore a tutto tondo finora, ha ottenuto un altro primo e secondo, Helene Noesmoen sta volando verso la Final Series con un bel margine sulle altre concorrenti. Noy Drihan (ISR) ha vinto il secondo, ma ha dovuto scartare il primo, il suo peggior punteggio della serie (18).
Tra i tanti fratelli che gareggiano uno contro l’altro qui a Univela Sailing, ci sono due sorelle britanniche di windsurf, sempre al top sin dai tempi della vela giovanile, e se Saskia ha lottato duramente fino a poco tempo per arrivare a Tokyo, ecco la sua ‘sorellina’ – di solo mezz’ora – ad essere tra i primi 10, Imogen Sills, che è arrivato terzo nella seconda gara di Course.
“È stato così divertente ma allo stesso tempo molto stressante. È semplicemente fantastico, non riesco a credere che tutti noi sventoliamo sull’acqua, volando su tutto l’ippodromo, è stato fantastico! Mi sono ritirato dalla mia campagna olimpica a causa di un infortunio due anni e mezzo fa, poi quando iQFOiL è tornato, ho sentito di voler fare un tentativo. Ma dato che lavoro a tempo pieno in Norvegia negli ultimi due mesi e non mi sono allenato affatto, sono davvero sorpreso di come stia andando bene. Penso che continuerò con questo, è davvero divertente e crea dipendenza! “
Una pausa pranzo che si è protratta un po ‘più a lungo rispetto ai giorni precedenti, visto che l’ “Ora” non riempiva forte, e anche quando si è presentato, era ancora sul lato molto leggero di circa 8-10 nodi. Tuttavia nel tabellone è stata scritta una gara di Slalom per ogni divisione (Uomini e Donne), portando il numero di gare fino a 11. I migliori uomini sono stati ancora una volta Sebastian Koerdel (GER), Nicolas Goyard (FRA) e Matteo Iachino (ITA) , rispettivamente primo, secondo e terzo nella Finale A, assicurandosi il primato assoluto. Tra le donne lo Slalom è andato ancora a Helene Noesmoen, che ha sei proiettili su 11 gare, Maja Dziarnowska (POL) è seconda e Lena Ersilia (GER) terza.
“La settimana è stata davvero bella, diverse condizioni di vento e format, quindi è stata davvero buona e interessante – dice Helene Noesmoen, leader provvisoria della classifica generale femminile – proveniente dalla RS: XI amo molto la nuova classe, è davvero emozionante per la velocità , è tutto molto veloce, devi essere molto più veloce nelle tattiche e nel prendere decisioni, ed è davvero bello fare alcune gare di slalom, alcune lunghe distanze, intensità molto diverse. Penso che sia la cosa migliore avere questi tre formati, perché con vento molto leggero è difficile andare di bolina, ed è così bello che sta portando qui persone da mondi diversi, le Olimpiadi e il PWA. “
La terza giornata si conclude con cambi di posizione sopra i primi 10, ma stessi leader: il francese Nicolas Goyard negli uomini e Helene Noesmoen nelle donne.
Le previsioni del tempo per domani potrebbero essere facili come in questi giorni, il piano è di fare più gare possibili al mattino, puntando a più Corsi, e ancora qualche Slalom nel pomeriggio. Univela Sailing e Società Canottieri Garda e Salò, gli organizzatori dell’evento con la IQ Foil Class, manterranno gli atleti informati tramite telefono, per non evitare assemblee da parte del club per rispettare le norme di sicurezza del governo italiano.

Leave a comment

error: Content is protected !! By www.hitech-lab.it SEO specialist
Open chat
Powered by